Partnership

Partnership

- Capofila: Informatici Senza Frontiere Onlus

Informatici Senza Frontiere è un’associazione presente su tutto il territorio nazionale. Ha come missione la riduzione del divario digitale all’interno della società odierna. Nel presente progetto svolge la funzione di capofila e provvede a fornire supporto per il coordinamento delle attività didattiche e gli strumenti necessari alla raccolta dati e alla produzione dei materiali digitali alla base degli interventi di Work-Lab.

La volontà di intraprendere tale progettualità nasce da un precedente progetto, sempre finanziato dalla Fondazione Del Monte, dedicato all’alfabetizzazione informatica di donne richiedenti asilo e rifugiate in seno all’utenza dell’Associazione MondoDonna Onlus. L’esperienza maturata durante i corsi specifici per le donne beneficiarie dell’accoglienza presso l’Associazione MondoDonna Onlus, ha portato Informatici Senza Frontiere a valutare l’impatto di tale iniziativa e a riconsiderare la base teorica, fino a ridisegnare gli interventi didattici ponendo il focus sull’alfabetizzazione digitale rivolta agli usi e le funzioni dello smartphone, più che del computer.

- Collaboratori: CittadinanzAttiva Emilia-Romagna

Cittadinanzattiva onlus è un movimento di partecipazione civica che opera in Italia e in Europa per la promozione e la tutela dei diritti dei cittadini e dei consumatori, la mission del movimento prende spunto dall’articolo 118 della Costituzione Italiana, secondo il quale: “Stato, regioni, province, città metropolitane, comuni favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio della sussidiarietà“. Esattamente nel solco di questo articolo, CittadinanzAttiva Emilia-Romagna partecipa al progetto mettendo a disposizione gli spazi a Bologna in Via Castiglione 24, che saranno utilizzati come sede di lavoro per il personale e, in previsione di una futura riapertura al pubblico, come spazio di formazione degli studenti e accesso diretto libero a postazioni internet per lo studio e la ricerca dell’impiego. Altro ruolo di CittadinanzAttiva è la diffusione del progetto attraverso i suoi canali di comunicazione.

- Collaboratori e beneficiari: Hayat Onlus

Hayat Onlus è un associazione senza scopo di lucro che sogna un mondo in pace, senza frontiere, confini o barriere, dove nessuno si senta straniero. Hayat opera per la realizzazione di questo sogno attraverso la promozione di una cultura di inclusione e di rispetto dei diritti umani sensibilizzando e incoraggiando la curiosità verso le culture altre rispetto a quella di origine e favorendo l’accesso a percorsi di educazione tanto in Italia quanto all’estero, per bambini e adulti in contesti difficili. Hayat mira a creare per queste persone spazi di dignità e pieno sviluppo della persona umana come Amal al Hayat Merkezi, il centro per donne e bambini siriani aperto a Gaziantep (Turchia) insieme ad Amal for Education; lo spazio co-gestito insieme al Il Cerchio dalla Libia a via Libia sotto il ponte di Via Libia a Bologna; il piccolo progetto di accoglienza informale La Petite Méthode, avviato proprio all’inizio dell’emergenza Covid-19 per rispondere ad un’altra emergenza non rinviabile, ossia la situazione abitativa di quattro ragazzi particolarmente vulnerabili ed esclusi dalle reti formali di accoglienza.

In tutti questi contesti e ovviamente in quello bolognese in particolar modo, Hayat Onlus lavora sulla comunità locale migrante affinché ogni individuo possa sviluppare gli strumenti per mettere in campo risorse energetiche e fisiche maggiori per affrontare le difficoltà individuali, strutturali e culturali all’interno di un quadro politico che è ulteriormente e fortemente destabilizzato dalle recenti azioni politiche che alimentano un clima di odio, discriminazione, intolleranza e razzismo. Lo fa attraverso la condivisione con la comunità migrante di tempo di vita, dei pasti e del tempo libero e anche attraverso percorsi formativi quali lezioni di italiano, laboratori co-partecipati, studio di gruppo, supporto (economico e non) a livello legale, burocratico, abitativo e nella ricerca di lavoro. Con la partecipazione a Work-Lab Hayat intende fare da ponte tra l’utenza e il servizio offerto dal progetto, arricchendo così la rete di riferimento del progetto stesso. Inoltre, un gruppo dedicato interno ad Hayat verrà formato da Work-Lab per acquisire i peculiari strumenti di progetto e integrarli nella propria pratica di supporto ai richiedenti asilo più vulnerabili.